Le infezioni causate dai coronavirus comuni sono per lo più lievi e non causano disturbi apprezzabili (asintomatiche). Tuttavia, soprattutto negli individui con problemi al sistema immunitario, nelle persone con malattie cardiopolmonari, negli anziani e nei bambini piccoli, molto raramente possono provocare infezioni gravi, in particolare la polmonite, che può causare anche il decesso.

La complicazione più frequente dell’infezione da nuovi coronavirus umani, infatti, è la polmonite che, in alcuni casi, può aggravarsi e diventare sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) che provoca accumulo di liquido nei polmoni e riduzione eccessiva di ossigeno nel sangue. Si può inoltre manifestare una infezione generalizzata (shock settico) con conseguente decesso.